sabato 23 agosto 2008

Tecomaji pura e limpida,
sveli una pelle delicata
costellata di coralli
di spiaggie bianche di bucaneve.

La marea sveste d'oceano
lembi seducenti del tuo corpo
e reca in dono seni perfetti
in spirali di conchiglie imperfette.

Avvolgi i polsi nudi
in un cristallo di pinne lucenti,
arrossisci in tramonti effimeri
getti il viso in batuffoli di nuvole
e la notte,
la notte ami nel buio,
come una gatta scura
dipinta tra le stelle.

2 commenti:

Giacomo ha detto...

stupenda.

GiulioDelleStelle ha detto...

un bacio giacomino